IM.I.S. anno 2017

Informazioni per gli utenti

COS’E’

E’ la nuova imposta, istituita con Legge Provinciale 30 dicembre 2014, n. 14 e s.m., che sostituisce l’Imposta municipale propria (I.MU.P.) e la Tassa per i servizi indivisibili (TA.S.I.). Si applica solamente in Provincia di Trento.

CHI LA PAGA

L’imposta è dovuta dalla persona fisica o giuridica titolare di diritto reale di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie ed enfiteusi. Nel caso di contratto di leasing è dovuta dal soggetto che acquisisce la disponibilità in godimento dell’immobile.

COME SI CALCOLA

Per i fabbricati, il calcolo ha come base la rendita catastale (da NON rivalutare) a cui vengono applicati i seguenti moltiplicatori (già comprensivi della rivalutazione del 5%):

  • 168 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A (esclusi A/10) e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7;
  • 147 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
  • 84 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10
  • 68,25 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;
  • 84 per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;
  • 57,75 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.

Vengono quindi applicate differenti aliquote (deliberazione 06 dd 03.03.2012):

  • 0,00% per le abitazioni principali, per le fattispecie assimilate e per le relative pertinenze;
  • 0,35% per le abitazioni principali iscritte nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze (massimo due) iscritte nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con detrazione di € 300,39;
  • 0,895% per gli altri fabbricati abitativi e relative pertinenze;
  • 0,55% per i fabbricati attribuiti alle categorie catastali A/10, C/1, C/3 e D/2;
  • 0,79% per i fabbricati attribuiti alle categorie catastali D/1, D/3, D/4, D/6, D/7, D/8 e D/9;
  • 0,895% per tutte le altre categorie catastali o tipologie di fabbricati;
  • 0,895% per le aree fabbricabili;
  • 0,2% per i fabbricati destinati e utilizzati a scuola paritaria;
  • 0,1% per i fabbricati strumentali all’attività agricola (sono tali i fabbricati iscritti a Catasto nella categoria D/10 e quelli che possiedono l’annotazione catastale di ruralità) ai quali dalla rendita catastale va dedotto un importo pari a € 1.500,00.

Per le aree edificabili e le ristrutturazioni (art. 99, comma 1, lettera c) d) e) g) della legge urbanistica provinciale 2008 l’aliquota è 0,895. Il riferimento è il valore venale in comune commercio (valore di mercato) al 1° gennaio dell’anno di riferimento. Il Comune, per prevenire l’insorgenza di contenzioso, ha individuato i valori minimi di riferimento da utilizzare per il calcolo dell’imposta (deliberazione n. 05 dd 12.03.2012).

In deroga a quanto sopra, il valore dell’area edificabile è fissato nel valore dichiarato dal contribuente in sede di dichiarazione a fini fiscali relativa a tributi erariali comunque denominati, oppure in sede di dichiarazioni preliminari fiscalmente rilevanti finalizzate alla sottoscrizione di atti fra vivi o mortis causa (per es.atti di compravendita, donazione, costituzione o estinzione di diritti reali, dichiarazioni di successione). Il valore dichiarato si applica per un triennio al termine del quale il contribuente può presentare, facoltativamente, una comunicazione comprovante la modifica del valore.

PER I FABBRICATI DI INTERESSE STROICO-ARTISTICO: il vincolo di tutela deve essere riconosciuto ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22.01.2004 n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio). Il valore imponibile su cui calcolare l’imposta è ridotto al 50%.

PER I FABBRICATI DICHIARATI INAGIBILI O INABITABILI E DI FATTO NON UTILIZZATI: l’inagibilità io inabitabilità è accertata dall’ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione. Il valore imponibile su cui calcolare l’imposta è ridotto al 50%.

CALCOLATORE IMIS: http://imiscintetesino.giscoservice.it/

Per informazioni si comunica che l’ufficio Tributi del Comune di Comune di Cinte Tesino è a disposizione dei contribuenti con il seguente orario: dal lunedì al mercoledì dalle ore 08.00 alle ore 12.30

Giovedì, 23 Giugno 2016 - Ultima modifica: Giovedì, 25 Maggio 2017

© 2019 Comune di Cinte Tesino powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl